«Diffidiamo la Regione dal procedere verso l’ospedale unico»