SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dehors, ritardi regolamento occupazione suolo pubblico. Bruno  Gabrielli di Forza Italia presenta un’interrogazione consiliare e la invia al comando carabinieri tutela patrimonio culturale di Ancona, alla Polizia locale di San Benedetto, al ministero alle Belle arti di Roma e alla Soprintendenza di Ancona.

 

Pubblichiamo il testo integrale.
Oggetto: Interrogazione su regolamento occupazione suolo pubblico ”
Il sottoscritto Bruno Gabrielli, consigliere comunale di Forza Italia, interroga la S.V. in merito a quanto segue: Il 30 marzo 2017 l’Arch. Carlo Birrozzi, Soprintendente Archeologico delle Belle Arti e Paesaggio della Regione Marche, inviò una lettera al Sig. Sindaco Piunti. Tale lettera veniva spedita per conoscenza al Segretario Regionale del MiBACT e al Comando dei Carabinieri N.T.P.C. Nella missiva in oggetto si intimava un termine di trenta giorni dal ricevimento della stessa per la redazione del regolamento.

 

Successivamente, lo stesso Birrozzi, venne a far visita al Sindaco ed ebbe modo di concordare con lo stesso il termine ultimo del 30 luglio 2017 per far si che gli uffici comunali competenti inviassero alla Soprintendenza le linee generali (o bozza che dir si voglia) a cui far seguire entro il 15 ottobre il regolamento da portare in approvazione in seno al Consiglio Comunale.

 

A seguito delle sollecitazioni e rimostranze messe in atto dal sottoscritto nell’ottobre scorso, venivano convocati nei mesi a seguire una serie di incontri tra le associazioni di categoria e il Comune per dibattere sui contenuti del redigendo regolamento a cui però non ha fatto seguito nulla.

 

Considerato che:
Da quanto risulta al sottoscritto alla data del 13/08/18 nulla era ancora arrivato alla Soprintendenza di Ancona; la Soprintendenza stessa ha comunicato mesi orsono al Comune di San Benedetto che non rilascerà nessun parere sulle nuove richieste per l’occupazione del suolo pubblico fino a quando non sarà approvato il regolamento;

 

Constatato che:
La mancanza del regolamento finisce col penalizzare un settore molto importante per la nostra città, quale è quello del commercio ed attività di somministrazione, creando incertezza tra gli stessi imprenditori

 

Preso atto di tutto quanto sopra esposto, l’interrogante chiede di sapere:
come mai, nonostante tutto il tempo intercorso dall’interessamento diretto della Soprintendenza, il regolamento non è stato ancora portato in Consiglio Comunale per l’approvazione;
Se la polizia locale durante l’espletamento dell’attività di controllo posta in essere negli ultimi sei mesi ha riscontrato eventuali occupazioni abusive di suolo pubblico in pieno centro cittadino e laddove ciò fosse accaduto quali sono stati i provvedimenti presi per sanare queste infrazioni.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *