ANCONA – Un pilastro posizionato male alle fondamenta della struttura dove poggiava il martinetto sarebbe la causa del crollo del ponte 167 sull’A14 che, il 9 marzo 2017, costò la vita ai coniugi di Spinetoli Emidio Diomede e Antonella Viviani che procedevano in auto verso sud tra Ancona Sud e Loreto.

 

È quanto emerge dai primi esiti delle perizie, in parte acquisite, che la Procura di Ancona ha affidato a due consulenti per fare luce sulle cause della tragedia. Una responsabilità, per l’accusa, che sembrerebbe di tipo tecnico e a cui si affiancherebbe quella dovuta a progetti non abbastanza dettagliati sulla posizione corretta del cavalcavia. A tali criticità, per la Procura se ne aggiungerebbe una legato alla sicurezza: nel cantiere sarebbe stato previsto un piano relativo a questo aspetto solo nella fase successiva al posizionamento del ponte e non durante. Intanto sono state archiviate le posizioni di due dei 42 indagati, 38 persone fisiche e quattro società, che non hanno partecipato alla progettazione.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *