POLITICA – In vista del congresso Pd, le federazioni di Ascoli, Fermo e Macerata puntano su una candidatura unica per il segretario delle Marche.  Dopo gli eventi sismici che hanno sconvolto le Marche trasformandone profondamente il tessuto sociale ed economico, l’azione dei governi Pd a livello regionale e nazionale ha prodotto una serie di strumenti normativi e finanziari che hanno permesso di superare l’emergenza e iniziare la fase della ricostruzione.
Sarà un’impresa che impegnerà i territori nel prossimo decennio e che vedrà negli amministratori, comunali e regionali del Pd, un baluardo imprescindibile, il solo punto di riferimento in grado di dare risposte ai problemi delle comunità colpite.
Iniziano le schermaglie per il congresso regionale. Mettono insieme le forze Matteo Terrani, segretario Pd Ascoli Piceno, Fabiano Alessandrini, segretario Pd Fermo, Francesco Vitali, segretario Pd Macerata. «L’agenda della politica regionale – affermano in maniera congiunta – non potrà che continuare a vertere sul delicato tema della ricostruzione e in questa direzione dovranno continuare gli sforzi della giunta Ceriscioli che bene ha operato fin qui in sinergia con il commissario Paola De Micheli».
Aggiungono i segretari delle federazioni del sud: «Pertanto, nel nuovo scenario che si è aperto dopo le elezioni del 4 marzo e in vista dei prossimi appuntamenti congressuali, il Pd marchigiano dovrà essere sempre di più il partito della ricostruzione: ricostruire non solo una comunità politica ma interpretare al meglio il proprio ruolo storico all’interno della società marchigiana ricostruendone il volto, lo spirito e l’economia».
«Per questa ragione – la conclusione di Terrani, Alessandrini e Vitali – in vista dei prossimi appuntamenti congressuali, le federazioni del sud della regione sono pronte ad assumersi le proprie responsabilità avanzando una propria candidatura alla guida del Pd Marche con l’intento di unire il partito e dare un contributo di idee e di proposta politica alla giunta regionale».

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *