GROTTAMMARE – Sulla A14 Bologna-Taranto, nel tratto compreso tra Pedaso e Grottammare in direzione di Pescara, un mezzo pesante nella tarda serata di ieri ha preso fuoco all’altezza del km 300 all’interno della galleria prima del casello di Grottammare provocando ingenti danni. L’incendio è stato spento e sono in corso i lavori di ripristino. I lavori di ripristino interesseranno il fine settimana e, visti i flussi di traffico di rientro attesi, si prevedono disagi alla circolazione.

 

Dalle 12:30 sulla A14 Bologna-Taranto è stato chiuso il tratto compreso tra Fermo e Grottammare in direzione di Pescara. Lo comunica Autostrade per l’Italia: «Per consentire la ripresa della circolazione il traffico era stato fatto transitare su una corsia in entrambe le direzioni attraverso una deviazione sulla carreggiata opposta. Tuttavia la concomitanza del provvedimento con crescenti volumi di traffico ha determinando oltre 14 km di coda tra Giulianova e Pedaso verso Ancona e 4 Km di coda verso Pescara. Per decongestionare il tratto è stata disposta temporaneamente la chiusura dei caselli tra Fermo-Porto San Giorgio e Grottammare verso Pescara, favorendo con due corsie il flusso prevalente verso Nord. A chi proviene da Ancona dopo l’uscita obbligatoria a Fermo si “consiglia di percorrere la Statale 16 Adriatica e di rientrare in A14 a Grottammare».

Il traffico è paralizzato anche sulla statale, le code nell’ora di punta sono arrivate fino al vicino Abruzzo e hanno riguardato anche la superstrada Ascoli mare.

 

Ieri sera infatti poco dopo le 22 squadre dei Vigili del Fuoco del Comando provinciale e dei distaccamenti di San Benedetto del Tronto e Fermo, sono intervenute sull’A14 all’interno della galleria Monte Secco per l’incendio di un autotreno carico di indumenti. Sul posto 16 operatori con due Autopompe e quattro Autobotti che hanno lavorato fino alle prime luci di questa mattina spegnere le fiamme e smassare quanto contenuto nel mezzo pesante. La galleria non sarà riaperta prima di una verifica sulla staticità della struttura e fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *