SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Acqua potabile contaminata? Il sindaco Pasqualino Piunti ha convocato la Ciip, l’Asur e la Provincia di Ascoli per il 2 maggio alle ore 10.30 nel Municipio di viale De Gasperi. Sarà scontro?

 

«Ho indetto la riunione – spiega Piunti –  per avere chiarimenti dalla Ciip in merito alle lamentele dei cittadini che segnalano acqua all’odore cloro ed altre problematiche. Ma anche per avere delucidazioni  sulle analisi delle acque, svolte  dall’Arpam, ai pozzi di Fosso dei Galli e di via del Cacciatore, in cui sono stati rintracciati elementi chimici estranei».

 

Chiarimenti al telefono con il presidente della Ciip Giacinto Alati. «Dopo la convocazione – ancora Piunti –  ho avuto un colloquio telefonico con il presidente della Ciip Giacinto Alati, il quale mi ha rassicurato. Mi ha spiegato che il cloroformio, il ferro e il manganese rintracciati negli esami Arpam, nel secondo trimestre del 2018, non provengono dai pozzi dell’acqua potabilizzata».

 

Il 2 maggio sarà un incontro di routine? «La riunione in programma il 2 maggio la faremo lo stesso, anche se i dubbi sono stati diradati».

 

Come abbiamo scritto in precedenti articoli, nelle case dei sambenedettesi arriva l’acqua dei Sibillini mischiata con quella dei pozzi di Fosso dei Galli. Un’acqua potabilizzata, ma a volte sgradevole al gusto, marrone e dall’odore di cloro. (LEGGI QUI COSA CI HA DETTO LA CIIP)

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *