ASCOLI PICENOPiero Celani, vice presidente del Consiglio regionale della Regione Marche ed ex sindaco di Ascoli Piceno, lancia frecciatine all’attuale governo, facendo anche un confronto con la sua passata gestione:

 

 

 

«Forse sarà colpa di questo anticipo di primavera, che oltre a far improvvisamente innalzare la colonnina di mercurio, sta facendo scaldare, o meglio ‘infuocare’ la politica ascolana? Nei palazzi infatti soffia un insolito ‘vento di scirocco’ fatto di voci, chiacchiere e teoremi che mi vedono sorprendentemente protagonista. Dopo dieci anni sono molti i conoscenti che si preoccupano all’improvviso del mio futuro politico e di quello dei miei amici. Tanti gli interrogativi su cosa faccio: chi vedo, dove mi trovo, chi incontro, cosa dico, che penso, se sono europeista o sovranista e così via. Mai tanta attenzione su di me e sui miei amici negli ultimi dieci anni, anche se  qualcuno, con il chiaro intendo di screditare, ci accredita di scarso peso elettorale».

 

 

 

«Io rispetto le opinioni e i teoremi di tutti, nessuno escluso – conclude Celani -: che siano europeisti, sovranisti, conservatori o progressisti: il confronto non l’ho mai evitato, tra l’altro, negli anni in cui ho governato, il ‘mio palazzo’ è sempre stato aperto ed inclusivo, in altre parole semplicemente ‘popolare’».

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *