Bretella, Giorgini: «Il rinforzino di Celani a Cangini inutile come un libro di Natale di Vespa»