SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Movimento Lavoratori di Azione Cattolica (Mlac) di San Benedetto del Tronto continua anche quest’anno l’ormai tradizionale preghiera con i lavoratori nei luoghi di lavoro, in occasione della festa di S. Giuseppe Lavoratore del 1º maggio.

 

 

Il Mlac si ritrova martedi 30 aprile, a celebrare il lavoro dignitoso con i lavoratori dell’azienda Orsini & Damiani di Centobuchi, alle ore 16 a conclusione della giornata di lavoro, grazie alla disponibilità e sensibilità di Alessandra e Laura Damiani. A guidare la preghiera ci sarà l’assistente diocesano Mlac don Giuseppe Giudici.

 

 

Lavoro generativo” è il filo conduttore di questa proposta, che si celebra contemporaneamente in molte realtà lavorative d’Italia, promossa dal Mlac nazionale. Il lavoro può infatti diventare generativo se luogo d’incontro autentico tra generazioni diverse, in un tempo di grande cambiamento nel quale viviamo, ma anche tra diverse forme e storie di lavoro.

 

 

È generativo se dignitoso e rispettoso della persona e del creato.  Ritrovarsi ad affidare il lavoro e a ridargli il senso dell’umano è l’occasione che offre il Mlac alla vigilia del 1º maggio tradizionalmente dedicata ai lavoratori. E in un’azienda, di ortofrutta, che ha vissuto il dialogo generazionale e l’attenzione alla persona, tra tradizione e innovazione.

 

 

«Riteniamo che, come dicono i vescovi nel loro messaggio, l’insieme delle fatiche e delle competenze possano contribuire al futuro di questo paese. È la capacità di fare squadra che ci aiuta a generare lavoro dignitoso. Intorno a questi temi ci ritroviamo insieme, credenti e non credenti, come lavoratori che cooperano a costruire il futuro», spiega Monica Vallorani incaricata regionale Mlac Marche.

 

 

«Noi, come Mlac e come Chiesa – conclude la Vallorani -, vogliamo farlo affidando il nostro lavoro a S. Giuseppe Lavoratore, stando dentro un luogo di lavoro, al fianco di ogni lavoratore e lavoratrice».

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *