SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ il terzo aumento in meno di dieci giorni. Dopo i parcheggi blu e l’imposta di soggiorno, ora anche la pubblicità.

 

Con delibera di giunta 27/2019, il Comune di San Benedetto decide di maggiorare l’imposta su pubblicità e affissioni del 50%, ad eccezione della pubblicità ordinaria. Il tariffario è stato aggiornato dal precedente regolamento: l’amministrazione Piunti vuole espressamente sfruttare ogni fonte d’introito.

 

Nello specifico, saranno aumentate le tasse per pubblicità effettuata con veicoli in genere (tram, battelli, barche), veicoli di proprietà d’imprese private, tra cui anche motoveicoli e mezzi a rimorchio, pubblicità effettuata con pannelli luminosi, propria o per conto terzi. Infine, anche quella effettuata con proiezioni (diapositive, proiezioni luminose o cinematografiche) e pubblicità varia, quindi a mezzo striscione, fumogeno, volantino, nonché apparecchi amplificatori.

 

«Il problema è che non abbiamo le risorse economiche delle precedenti amministrazioni» dichiara l’assessore al bilancio Andrea Traini, «quindi dobbiamo fare perno su tante piccole voci». Politica del formicaio. Ma l’incremento accantonato sarà di difficile valutazione. E così anche il peso su possibili reinvestimenti.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *