SAN BENEDETTO DEL TRONTOIl contributo comunale destinato alle famiglie affidatarie di minori in difficoltà aumenta di quasi il 50%. Lo ha deciso la giunta sambenedettese. L’assessore alle politiche sociali Emanuela Carboni: «Grande risultato per San Benedetto, che negli ultimi anni ha avuto difficoltà a gestire il fenomeno».

 

Il contributo mensile sale da 410 a 600 euro per minore. «Questo comporterà ingenti risparmi per il comune» prosegue Carboni: «La spesa corrente dedicata a questo scopo è sempre stata alta. Soprattutto negli ultimi due anni: siamo passati da 650mila euro a 860mila». Nel territorio rivierasco la prassi dell’affido è in crescita, pur essendo limitato al momento a circa venti famiglie.

 

«Inoltre, grazie a questa decisione la Regione ci rimborserò quasi in toto» continua l’assessore. «Prima ci tornava indietro il 45% della spesa, mentre da ora ci coprirà per il 90%». «Dobbiamo spingere verso l’affido minorile» aggiunge Simona Marconi, coordinatrice regionale dell’ATS21: «perché questa strada permette di prendere in consegna sia i minori sia le famiglie stesse, in una rete sociale»

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *